Giorno 410: Una musica può fare…
Giorno 410: Una musica può fare…

Giorno 410: Una musica può fare…

Ich habe Berlusconi nicht gewält!

Io non ho votato Berlusconi!” con queste parole Max Gazzè ha aperto il suo concerto qui a Berlino.

Organizzato all’interno di un piccolo club di Prenzlauer Berg, il Machinenhaus in der Kulturbrauerei, è stato un concerto per pochi intimi. Il club, infatti, date le ridotte dimensioni ha ospitato circa un centinaio di persone, di cui il 99% italiani, ma con qualche “infiltrato” dal chiaro accento tedesco, che hanno cantato, ballato e riso per le due ore in cui Max ha cantato e cercato di buttare giù qualche parola in tedesco. Quasi ogni canzone terminava con un “Viele Danke!” rivolto ai suo fan berlinesi, che lo hanno ricambiato ogni volta applaudendolo con gioia.

Il concerto è iniziato con Vento d’estate per ricordare ai tanti emigrati italiani cosa sia il sole e la stagione estiva, gesto molto apprezzato dalla folla. Si è susseguito con molto piacere fino al siparietto in cui la band è uscita e poi rientrata (in realtà era un palco semplice, senza alcuna quinta a dividere la scena, quindi Max e il suo gruppo sono rimasti per pochi minuti al lato del palco e, dopo aver bevuto qualche cosa, sono rientrati dicendo che era inutile questa pantomina date le condizioni del palco) e ha cantato i suoi successi più famosi: Mentre dormi, La favola di Adamo ed Eva (da segnalare il duetto con un ragazzo – credo italiano – che vive a Berlino, batterista in una band ma con doti da cantante non indifferenti, che ha accompagnato Max cantando alcune strofe di Get up, stand up di Bob Marley) e terminando il concerto con Una musica può fare.

Grazie Max per la bella serata che hai regalato a tutti gli italiani presenti ieri sera.

Max Gazzè

CONSIGLIO: vi segnalo il prossimo concerto di un artista italiano a Berlino. Domenica 3 Marzo 2013, Ludovico Einaudi sarà al Tempodrom (Möckernstraße 10, 10963 Berlino) alle ore 21. Biglietti a partire da 33€: http://www.rbb-online.de/static/shop/rad_ticket.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares